Home > Libri > AD AREZZO, MARCO BOTTI E GIORGIO FERI DI NUOVO ALLA RIBALTA, CON "ZIBALDONE 2".

AD AREZZO, MARCO BOTTI E GIORGIO FERI DI NUOVO ALLA RIBALTA, CON "ZIBALDONE 2".

articolo pubblicato da: tognak | segnala un abuso

AD AREZZO, MARCO BOTTI E GIORGIO FERI DI NUOVO ALLA RIBALTA, CON

È iniziata così, con un colpo di teatro ben riuscito, la presentazione del libro intitolato “Zibaldone Aretino 2” e sottotitolato “racconti, personaggi, storie di Arezzo”, nel tardo pomeriggio del 20 dicembre, presso la Sala Bibliocoop all’interno del supermercato di via Vittorio Veneto, nella Città della Chimera, nell’ambito del ciclo di incontri dedicato alla”Toscana da leggere; con l’autore Giorgio Feri che estrae e manovra con notevole abilità il coltello a serramanico di Gnicche, recentissimamente ritrovato da Claudio Santori, appartenuto al brigante aretino dell’Italia da poco unita, a cui sono state dedicate anche ballate popolari che lo hanno rivestito di un’aura romantica.

 

Ma il Brigante, che in realtà si chiamava Federigo Bobini, è solo uno dei tanti personaggi che riaffiorano alla memoria cittadina, nel corso della presentazione a cui partecipano oltre al Feri, Marco Botti giovane giornalista e scrittore, Filippo Nibbi già collaboratore di Gianni Rodari nella “Grammatica della fantasia”, Robeto Parnetti organizzatore della Giostra dei Rioni di Olmo frazione sud di Arezzo; tutti al tavolo dei conferenzieri. In copertina c’è la ciminiera del Fabbricone Sacfem che cade per lasciare il posto al Parco Pertini o Giotto che dir si voglia, iniziando così la deindustrializzazione, immagine simbolo di una archeologia industriale che avrebbe potuto essere, ma che non è stata. Ecco quindi che i ricordi di Giorgio, una vita in centro storico visto dalla sua Cartaria Aretina punto di riferimento per studenti e professori, fanno da filo di Arianna che dal passato giunge fino a noi scafati postmoderni che oggi perpetuiamo l’identità aretina nel mondo.

 

Molta sostanza e pochi fronzoli, questo è lo stile aretino di Giorgio Feri che edita un libro di oltre 250 pagine altrove introvabile, denso di amici come Gianni Boncompagni, ma anche Gino Innocenti il cesellatore che inventa la molla a scatto del Buratto della Giostra del Saracino di cui pure si mostrano foto inedite; poi fatti e misfatti della Città d’Arte, tanti contributi di Fabio Fusi, Mauro Mariottini che conduce gli scavi archeologici sul colle del Pionta, con poesie e testi di Filippo Nibbi illustrati dal fratello Mario, con i quadri del Maestro Zenone alias Emilio Giunchi; in un affresco collettivo che ci ricorda chi siamo, la Città d’oro e d’arte, del Petrarca e del Vasari e della Chimera e della Giostra, del buon cibo e della qualità della vita lenta, e come lo siamo diventati.

 

Tra il pubblico erano seduti lo scrittore Enzo Gradassi autore dell’ultimo libro su Gnicche, Silvana Nocentini candidata alle ultime elezioni comunali, il pittore Zenone alias Emilio Giunchi e Luca Tognaccini autore della Grande Storia di Arezzo.

CULTURA | STORIA | RICORDI | POESIA |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MARCO BOTTI E GIORGIO FERI PRESENTANO IL LORO LIBRO SUI 7 COLLI DI AREZZO, ALLA BIBLIOCOOP DI VIA VITTORIO VENETO NEL POMERIGGIO DI SABATO 18 MARZO 2017.


Le botti, custodi del vino


LUCA BERTI E LA SOCIETA' STORICA ARETINA INTERVENGONO SULLA QUESTIONE INDUSTRIALE AD AREZZO


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


LUCA BERTI LANCIA, DA AREZZO, CON GIORGIO SACCHETTI, IL TEMA DEL DESTINO DEI SINDACATI ITALIANI.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Esce il romanzo “Con gli occhi aperti” un secolo dopo “Con gli occhi chiusi” di Federigo Tozzi

Esce il romanzo “Con gli occhi aperti” un secolo dopo “Con gli occhi chiusi” di Federigo Tozzi
Esce il romanzo “Con gli occhi aperti” un secolo dopo “Con gli occhi chiusi” di Federigo Tozzi Luca Tognaccini pubblica nel 2019 il romanzo “Con gli occhi aperti”. Ogni riferimento al romanzo “Con gli occhi chiusi” di Federigo Tozzi, non è puramente casuale. Anche in questo caso un giovane fiorentino, anziché senese, cerca un aggancio con la ‘vita vera’ grazie dal gancio offertogli da un te (continua)

AD AREZZO ARTINI, SANTORI E MARTELLI PROPONGONO UN POSTO D'ONORE PER CAMILLERI NELLA LETTERATURA ITALIANA

AD AREZZO ARTINI, SANTORI E MARTELLI PROPONGONO UN POSTO D'ONORE PER CAMILLERI NELLA LETTERATURA ITALIANA
UN POSTO D'ONORE PER ANDREA CAMILLERI, PADRE DEL COMMISSARIO MONTALBANO, NELLA LETTERATURA ITALIANA. QUESTA LA PROPOSTA AVANZATA SABATO 12 OTTOBRE 2019 ALLA BIBLIOCOOP DI AREZZO. Il ricordo di Andrea Camilleri, il padre del Commissario Montalbano, è avvenuto ad Arezzo, nel pomeriggio di sabato 12 ottobre 2019, presso la Sala Soci attigua alla Bibliocoop di viale Amendola. Il giovane giorna (continua)

ALESSANDRO ARTINI PRESENTA, AD AREZZO, IL LIBRO DI JULIAN CARRON, CON MARIELLA CARLOTTI.

ALESSANDRO ARTINI PRESENTA, AD AREZZO, IL LIBRO DI JULIAN CARRON, CON MARIELLA CARLOTTI.
“Dov’è Dio?” è il titolo dell’ultimo libro di Julian Carron presidente della Fraternità di Comunione e Liberazione: una domanda postmoderna questa, nel Novecento invece ci si sarebbe chiesto “DIO ESISTE?”, così ha esordito Barbara Polvanesi del Centro Culturale di Arezzo, il 12 ottobre alle 18,40, nella Casa dell’Energia di Via Leone Leoni 1, introducendo Alessandro Artini Preside dell’ITIS “Galil (continua)

MASSIMO BORGHESI RACCONTA GLI STUDI DI PAPA FRANCESCO

MASSIMO BORGHESI RACCONTA GLI STUDI DI PAPA FRANCESCO
NELLA FOTO: A SINISTRA BAUMAN TEORICO DELLA SOCIETA' LIQUIDA, A DESTRA MASSIMO BORGHESI. Pensavate che bastasse studiare pochino per fare il Papa? Vi sbagliate di grosso. Se non mi credete, leggete l'ultimo libro di Massimo Borghesi, professore universitario a Perugia, intitolato "Jorge Mario Bergoglio: una biografia intellettuale : dialettica e mistica", edito da Jaka Book, Milano, prima rista (continua)

FOLCO TERZANI AL CONVITTO NAZIONALE DI AREZZO

FOLCO TERZANI AL CONVITTO NAZIONALE DI AREZZO
  “Ultra. La libertà è oltre il limite”, ultimo romanzo di Folco Terzani, presentato il 23 maggio al Convitto Nazionale di Arezzo. Continua la serie delle grandi storie vere ed interviste del padre giornalista. È una persona vera Michele, l’ultimo protagonista del romanzo di Folco Terzani. Ed è una storia vera quella che racconta, anche il nome (continua)