Home > Eventi e Fiere > Antichi abitatori delle grotte in Friuli

Antichi abitatori delle grotte in Friuli

scritto da: Jessica T. | segnala un abuso

Antichi abitatori delle grotte in Friuli

(3 marzo 2021 - 27 febbraio 2022)


«Il valore di questa mostra e del catalogo che la accompagna – ha commentato il Sindaco di Udine Pietro Fontanini – sta soprattutto nel fatto di aver saputo legare le vicende umane degli studiosi e degli appassionati al loro contesto storico e alla dimensione archeologica e antropologica. In questo modo essa ci aiuta a capire le complesse conoscenze degli antichi abitatori del Friuli e a ricostruire le vie del commercio, dato che alcune delle materie prime utilizzate provengono da aree lontane.
La nostra Regione, ricca di grotte, molte delle quali si aprono nelle Prealpi Giulie, a due passi da Udine, ha fatto da culla e da palestra per la speleologia non solo friulana ma nazionale. Nell’organizzare questa mostra, il Museo Archeologico di Udine e il Museo Friulano di Storia Naturale hanno saputo integrare gli aspetti naturalistici a quelli archeologici, permettendo in questo modo una lettura a 360° di un tassello di territorio e di alcune importanti pagine di storia del nostro Friuli».
Considerato uno dei principali eventi in Europa dedicati alla scienza, all’innovazione e al loro rapporto con la società a cadenza biennale,
𝘈𝘯𝘵𝘪𝘤𝘩𝘪 𝘢𝘣𝘪𝘵𝘢𝘵𝘰𝘳𝘪 𝘥𝘦𝘭𝘭𝘦 𝘨𝘳𝘰𝘵𝘵𝘦 𝘪𝘯 𝘍𝘳𝘪𝘶𝘭𝘪 si prefigge di raccontare l’utilizzo delle grotte a partire dalla Preistoria attraverso le tracce lasciate dagli animali e dagli uomini che le hanno visitate dal Paleolitico inferiore a oggi, secondo un approccio interdisciplinare («Un accostamento tra storia e scienza, tra uomo e natura, tipico della Preistoria», come racconta Paola Visentini, curatrice insieme a Giuseppe Muscio anche del notevole catalogo), una comunicazione accessibile e un uso ecosostenibile dei materiali impiegati nell'allestimento.
Alla fine dell’Ottocento, sulla scia di quanto da alcuni decenni già avveniva nell’area classica del Carso, vicina ma allora parte dell’impero Austro-Ungarico, anche in Friuli si accende l’interesse per l’esplorazione delle grotte e lo studio del fenomeno carsico. Da allora le grotte conosciute nel settore prealpino orientale, dalle Valli del Torre sino a quelle del Natisone e dello Judrio, esplorate ed inserite nel catasto grotte, sono oltre ottocento. Alcune rappresentano semplici ripari; altre sistemi sotterranei complessi che si sviluppano per chilometri.
Le prime ricerche preistoriche risalgono per l'esattezza al 1877 a opera di Camillo Marinoni, a cui seguirà l’attività di famosi naturalisti quali Achille Tellini, Giovanni Battista De Gasperi, Egidio Feruglio, Francesco Musoni, Ardito Desio, soci del Circolo Speleologico e Idrologico Friulano, e protagonisti della grande scuola geografica italiana di Giovanni Marinelli.
L’esposizione si articola in quattro sale, su un’estensione di circa 250 mq ed è collegata, grazie a una scala interna, all’esposizione permanente del Museo Archeologico.
La prima sala racconta il carsismo della regione e i contatti e le interazioni delle aree friulane, soprattutto nel III millennio a.C.; la seconda narra la ricerca archeologica e speleologica; la terza si concentra sulle Valli del Natisone nella preistoria più antica; nella quarta, invece, si trovano di nuovo elementi del III millennio a.C. e del Medioevo con un approfondimento relativo alle faune rinvenute in grotta.
Oltre all’approccio storico, che ha consentito  l’individuazione, lo studio e addirittura l’evoluzione della disciplina paletnologica in regione, viene presentato un approccio più tecnologico, che fa emergere dei dati inaspettati da reperti apparentemente semplici, consentendo una ricostruzione accurata dei contesti archeologici assai antichi. Ricordiamo, a titolo di esempio, lo studio genetico sui campioni di suini provenienti dai diversi livelli del sito del Riparo di Biarzo che hanno messo in discussione la provenienza di questa specie domestica dal Vicino Oriente, ipotizzandone una domesticazione locale.
L’esposizione consente inoltre di approfondire le conoscenze sulle Valli del Natisone a partire dalla Preistoria con il Riparo di Biarzo: da questo  sito provengono strumenti in selce, manufatti in osso, conchiglie forate e resti faunistici che sono stati sottoposti ad analisi diagnostiche allo scopo di ricostruire i modi di vita dei gruppi di cacciatori-raccoglitori che frequentavano le Valli 13000 anni fa.
Una frequentazione che non può che essere legata al popolamento del fondovalle e motivata da ragioni che possono essere ricondotte alla necessità di stabulazione degli animali durante i periodi di sosta, al bisogno di una pausa lungo i percorsi di caccia, di fienagione, di ricerca delle materie prime, di attività fusorie o, ancora, legata ai nuovi rituali funerari.
Due gli obiettivi del progetto: coinvolgere un pubblico il più ampio possibile e promuovere il patrimonio culturale e ambientale del Friuli-Venezia Giulia.
In tal senso, va la scelta di affiancare alla fruizione dei materiali originali, postazioni multimediali e/o multisensoriali che consentono una modalità personalizzabile per il visitatore a seconda della sua condizione fisica, della sua preparazione culturale e sensibilità.
Altra scelta fatta in tal senso è quella di un'app in italiano e inglese che accompagna il visitatore lungo tutto il percorso espositivo. 

Eventi 2021 | storia e scienza | fauna e flora | grotte | resti faunistici | manufatti in osso | rituali funerari | Friuli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

TRICOPIGMENTAZIONE DONNA: L’INFOLTIMENTO CAPELLI NON CHIRURGICO CON UN RIMEDIO SEMPLICE ED EFFICACE.


Le Grotte di Castellana riaprono il 26 giugno


Regione Friuli Venezia Giulia apre confronto con Associazione Castelli del Ducato


Il lavoro c’è, ma mancano le competenze: la riflessione di Gianpietro Benedetti


Nelle Grotte di Castellana torna Hell in the Cave


CORSI DI TRICOPIGMENTAZIONE: UN’OPPORTUNITA’ DI LAVORO IN UN SETTORE IN CRESCITA.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Premio Spoleto Festival Art 2021: un successo

Premio Spoleto Festival Art 2021: un successo
Nel giorno odierno, 10 luglio 2021, a partire dalle ore 16.00 presso la Rocca Albornoz (Portico La Portella) gli artisti contemporanei hanno scoperto luoghi medievali e inediti della città museo di Spoleto, definita da Giancarlo Menotti una città teatro, nella quale l’arte contemporanea diventa un formidabile strumento di comunicazione, promozione e divulgazione culturale, una sorta di contaminazi (continua)

Due esempi di Confraternite della Buona Morte: Urbania e Bettona

Due esempi di Confraternite della Buona Morte: Urbania e Bettona
L’origine delle Confraternite della Misericordia o, come spesso furono ribattezzate, della Buona Morte, è assai antica. Opere pie d’ispirazione analoga, nacquero in Oriente intorno al IV o V secolo, affidate a collegi monastici, la cui missione di carità era, in primo luogo, fornire assistenza ai malati, rischiando la propria vita assistendo anche i più contagiosi e, in secondo luogo, garantire un (continua)

Nell'ambito del "Festival dei Due Mondi" si inserisce la mostra "Archeologia del Vissuto"

Nell'ambito del
(26 giugno 2021 - 11 luglio 2021). Sarà inaugurata sabato 26 giugno 2021 alla Galleria "Primitivo e Contemporaneo" di Spoleto verso le ore 17, in occasione della 64° edizione del "Festival dei Due Mondi", la mostra “Archeologia del Vissuto” che verte sulle testimonianze tessili antiche e sulle opere di Serafino Amato, a cura di Carmen Moreno. L'esposizione nasce come condivisione di una raccolta importante del mondo antico di Car (continua)

Druidi, fate e Midsummer

Druidi, fate e Midsummer
Un tempo la natura scandiva i ritmi della vita dell'uomo. A primavera, quando la natura si risvegliava dopo la morte apparente, e soltanto nei giorni in cui la Luna era propizia, si cominciava la semina. D'estate si batteva il grano nelle aie e le braccia dei contadini andavano a tempo con le antiche canzoni intonate da donne e ragazze, mentre i bambini sgambettavano al sole. In autunno si rac (continua)

La terra su cui sorge Montalto si rianima: ecco a voi la mostra "TERRA VIVA"

La terra su cui sorge Montalto si rianima: ecco a voi la mostra
(13 maggio 2021 - 13 maggio 2022). È facile smarrirsi negli occhi profondi di un capriolo, di un lupo, di un falco pellegrino intento a corteggiare o di un elusivo gatto selvatico, creature che da sempre si aggirano furtivamente per Montalto, frazione appartenente al Comune di Cessapalombo, uno dei Comuni più provati dai tragici eventi del sisma del 2016 che, suo malgrado, si è ritrovato al centro di un notevole spopolamento e del (continua)