Home > Cultura > Dov'era ubicato il mitico regno del prete Gianni?

Dov'era ubicato il mitico regno del prete Gianni?

scritto da: Jessica T. | segnala un abuso

Dov'era ubicato il mitico regno del prete Gianni?

Studiando i testi antichi e analizzando ossa e reperti archeologici, gli storici cercano oggi di separare la leggenda dalla realtà.


Secondo una credenza diffusa nel Medioevo, il meraviglioso regno del 𝑝𝑟𝑒𝑠𝑏𝑦𝑡𝑒𝑟 𝐽𝑜ℎ𝑎𝑛𝑛𝑒𝑠, cioè del prete Gianni, si estendeva al di là della Terrasanta, fra le torri di Babele e le Indie.
Racconta lo storico Sergio de Sanctis: «La leggenda del prete Gianni, capo dei nestoriani – setta eretica primitiva in cui il fondatore, Nestorio, si rifugiò in Persia dove morì nel 451 – cominciò a circolare verso la metà del XII secolo e trovò un'illusoria conferma nella lettera, poi rivelatasi falsa, che l'imperatore di Costantinopoli Manuele I Comneno avrebbe indirizzato nel 1165 al mitico sovrano».
L'esistenza di un regno cristiano sperduto nell'Estremo Oriente, abitato da uomini cornuti, centauri e satiri, oltre che dotato di una fontana dell'eterna giovinezza e di uno specchio magico capace di mostrare tutto ciò che avveniva in ogni sua parte, venne comunque accettato come vero in tutto l'Occidente.
Alessandro III (papa dal 1159 al 1881) arrivò persino a tentare di stringere un'alleanza per ristabilire l'unità delle Chiese cristiane, ma non fu in grado di mettersi in contatto.
Nel XIV secolo l'intrepido ma spesso inaffidabile viaggiatore veneziano Marco Polo collocò il misterioso dominio in un imprecisato territorio a ovest di Pechino, dove erano effettivamente stanziate popolazioni cristiane come gli Onguti.
L'ultimo tentativo di localizzare il favoloso regno nell'Estremo Oriente risale alla fine del XV secolo, quando re Giovanni II del Portogallo tentò, di nuovo senza successo, di cercare un dialogo con il monarca nestoriano per l'ottenimento della sua adesione a un progetto di scambi commerciali con l'India.
Da allora la ricerca del mitico dominio si sposterà dall'Asia all'Africa. Infatti, sin dal IV secolo, l'Etiopia era stato teatro di una penetrazione cristiana.
Gli studiosi contemporanei sono dunque propensi a collocare qui la nascita della leggenda, e gli archeologi non disperano di rinvenire qualche traccia di antichi insediamenti occidentali di epoca medievale. 

Medioevo | ossa e reperti archeologici | nestoriani | regni straordinari | Marco Polo |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Premio Spoleto Festival Art 2021: un successo

Premio Spoleto Festival Art 2021: un successo
Nel giorno odierno, 10 luglio 2021, a partire dalle ore 16.00 presso la Rocca Albornoz (Portico La Portella) gli artisti contemporanei hanno scoperto luoghi medievali e inediti della città museo di Spoleto, definita da Giancarlo Menotti una città teatro, nella quale l’arte contemporanea diventa un formidabile strumento di comunicazione, promozione e divulgazione culturale, una sorta di contaminazi (continua)

Due esempi di Confraternite della Buona Morte: Urbania e Bettona

Due esempi di Confraternite della Buona Morte: Urbania e Bettona
L’origine delle Confraternite della Misericordia o, come spesso furono ribattezzate, della Buona Morte, è assai antica. Opere pie d’ispirazione analoga, nacquero in Oriente intorno al IV o V secolo, affidate a collegi monastici, la cui missione di carità era, in primo luogo, fornire assistenza ai malati, rischiando la propria vita assistendo anche i più contagiosi e, in secondo luogo, garantire un (continua)

Nell'ambito del "Festival dei Due Mondi" si inserisce la mostra "Archeologia del Vissuto"

Nell'ambito del
(26 giugno 2021 - 11 luglio 2021). Sarà inaugurata sabato 26 giugno 2021 alla Galleria "Primitivo e Contemporaneo" di Spoleto verso le ore 17, in occasione della 64° edizione del "Festival dei Due Mondi", la mostra “Archeologia del Vissuto” che verte sulle testimonianze tessili antiche e sulle opere di Serafino Amato, a cura di Carmen Moreno. L'esposizione nasce come condivisione di una raccolta importante del mondo antico di Car (continua)

Druidi, fate e Midsummer

Druidi, fate e Midsummer
Un tempo la natura scandiva i ritmi della vita dell'uomo. A primavera, quando la natura si risvegliava dopo la morte apparente, e soltanto nei giorni in cui la Luna era propizia, si cominciava la semina. D'estate si batteva il grano nelle aie e le braccia dei contadini andavano a tempo con le antiche canzoni intonate da donne e ragazze, mentre i bambini sgambettavano al sole. In autunno si rac (continua)

La terra su cui sorge Montalto si rianima: ecco a voi la mostra "TERRA VIVA"

La terra su cui sorge Montalto si rianima: ecco a voi la mostra
(13 maggio 2021 - 13 maggio 2022). È facile smarrirsi negli occhi profondi di un capriolo, di un lupo, di un falco pellegrino intento a corteggiare o di un elusivo gatto selvatico, creature che da sempre si aggirano furtivamente per Montalto, frazione appartenente al Comune di Cessapalombo, uno dei Comuni più provati dai tragici eventi del sisma del 2016 che, suo malgrado, si è ritrovato al centro di un notevole spopolamento e del (continua)