Home > Cultura > Premio Spoleto Festival Art 2021: un successo

Premio Spoleto Festival Art 2021: un successo

scritto da: Jessica T. | segnala un abuso

Premio Spoleto Festival Art 2021: un successo


Nel giorno odierno, 10 luglio 2021, a partire dalle ore 16.00 presso la Rocca Albornoz (Portico La Portella) gli artisti contemporanei hanno scoperto luoghi medievali e inediti della città museo di Spoleto, definita da Giancarlo Menotti una città teatro, nella quale l’arte contemporanea diventa un formidabile strumento di comunicazione, promozione e divulgazione culturale, una sorta di contaminazione artistica, una tappa imperdibile per tutti gli attori dell’arte contemporanea e anteprima  colta del Menotti Art Festival Spoleto che si svolgerà dal 24 al 27 settembre 2021.

Il Premio Internazionale Spoleto Festival Art nasce dalla volontà del suo direttore generale il professore Luca Filipponi. La rassegna è divenuta oramai un appuntamento annuale e richiama l'attenzione di operatori del settore, galleristi, critici, fondazioni artistiche e culturali, assieme a turisti ed amanti dell'arte, oltre ad una presenza fattiva e massiccia di media. Una rassegna che rappresenta un fiore all'occhiello per Spoleto, venendo a rinverdire i tempi in cui il Grande Menotti, riuscì con intelligenza ed acume, a diffondere "Il festival dei due mondi" oltre i confini Dott. Gilberto Madioni, critico e giornalista nazionali e europei.

L'evento è stato organizzato dall’Istituto Europeo per la Formazione (IEFO) in collaborazione con l’associazione internazionale Giovani Europei e con altrettante numerose fondazioni, istituzioni ed esperti di settore.
Tra i principali promotori della kermesse spoletina ricordiamo Paola Biadetti (direttore Spoleto Meeting Art), Angelo Sagnelli (direttore Spoleto letteratura), Umberto Giammaria (Fondazione Tau), Giuseppe Catapano (Rettore Accademia Auge), Professor Sandro Bini (Presidente della Commissione del Premio), Tania Di Giorgio (direttore Spoleto Art Festival Musica) con al seguito il quintetto di ottoni Universe, il critico di riferimento prof Pasquale Lettieri, l’attrice Rosa Miranda (madrina della serata), la stilista Eleonora Altamore.
A seguire, invece, l'elenco dei premiati: Aloi Maria, Amato Silvio, Balestra Selvaggia, Bellanca Morena, Borrelli Patrizia, Bricco Ubaldo, Bruno Tina, Camardella Pietro, Caroppo Nicola, Casatti Luciana -Lula, Cavinato Giusto, Cela Alban, D'Andrea Laura, Del Signore Vincenzo, Dusper Zrinka, Evans Edward, Geert Jan Jansen, Giacomelli Gianfranco, Giombarresi Rosetta, Gulotta Roberta,Iallussi Sevasti, Kosmina Emiliya, Lauria Antonietta, Lengfeld Morgana, Lo Coco Mario, Ludi Lorenzo, Maiorini Piergiorgio, Marioli Maurizio, Marjanovic Scalise Nikolina, Modesti Maria Grazia, Natale Andrea, Ottaviani Giuliano,Pandolfini Giammarco, Partemi Gabriele, Perotti Antonio, Rampazzo Federica,Rossi Luigi, Scardecchia Silvano, Soares Maria Lucia (alla memoria dell'amatissima Baronessa), Vetturini Luciano, Vincenzo Giuseppe Lex.
E i premi speciali attribuiti dalla Commissione: Altamore Lorenza, Dalla Valle Patrizia, Abduellaeva Aida, Casciotti Alessandra, Bonelli Letizia e Dall'Ara Enzo. 

arte contemporanea | cultura | letteratura | design | Spoleto Art Festival | Luca Filipponi | premiazioni e menzioni speciali | Giovani Europei Magazine |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Menotti Art Festival


Grande successo per la VI Edizione del Festival delle Arti Noi per Napoli 2021


Cartomanzia e Oroscopo per il 2021


CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


L'Occhio dell'Arte e lo Spoleto Art Festival 2018


Spoleto e Benevento si confrontano sulla storia e sull’attualità della Cultura


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Due esempi di Confraternite della Buona Morte: Urbania e Bettona

Due esempi di Confraternite della Buona Morte: Urbania e Bettona
L’origine delle Confraternite della Misericordia o, come spesso furono ribattezzate, della Buona Morte, è assai antica. Opere pie d’ispirazione analoga, nacquero in Oriente intorno al IV o V secolo, affidate a collegi monastici, la cui missione di carità era, in primo luogo, fornire assistenza ai malati, rischiando la propria vita assistendo anche i più contagiosi e, in secondo luogo, garantire un (continua)

Nell'ambito del "Festival dei Due Mondi" si inserisce la mostra "Archeologia del Vissuto"

Nell'ambito del
(26 giugno 2021 - 11 luglio 2021). Sarà inaugurata sabato 26 giugno 2021 alla Galleria "Primitivo e Contemporaneo" di Spoleto verso le ore 17, in occasione della 64° edizione del "Festival dei Due Mondi", la mostra “Archeologia del Vissuto” che verte sulle testimonianze tessili antiche e sulle opere di Serafino Amato, a cura di Carmen Moreno. L'esposizione nasce come condivisione di una raccolta importante del mondo antico di Car (continua)

Druidi, fate e Midsummer

Druidi, fate e Midsummer
Un tempo la natura scandiva i ritmi della vita dell'uomo. A primavera, quando la natura si risvegliava dopo la morte apparente, e soltanto nei giorni in cui la Luna era propizia, si cominciava la semina. D'estate si batteva il grano nelle aie e le braccia dei contadini andavano a tempo con le antiche canzoni intonate da donne e ragazze, mentre i bambini sgambettavano al sole. In autunno si rac (continua)

La terra su cui sorge Montalto si rianima: ecco a voi la mostra "TERRA VIVA"

La terra su cui sorge Montalto si rianima: ecco a voi la mostra
(13 maggio 2021 - 13 maggio 2022). È facile smarrirsi negli occhi profondi di un capriolo, di un lupo, di un falco pellegrino intento a corteggiare o di un elusivo gatto selvatico, creature che da sempre si aggirano furtivamente per Montalto, frazione appartenente al Comune di Cessapalombo, uno dei Comuni più provati dai tragici eventi del sisma del 2016 che, suo malgrado, si è ritrovato al centro di un notevole spopolamento e del (continua)

Il "conflitto dell'interdetto": quando la Repubblica di Venezia si contrappose allo Stato Pontificio

Il
La ripresa dell'economia veneziana fu accompagnata, negli anni a cavallo tra Cinquecento e Seicento, dalla ricerca di un'autonomia dalla Spagna e dal papato. Di questa politica si rese protagonista una parte dell'aristocrazia veneta detta "partito dei giovani", in contrapposizione al "partito dei vecchi", che al contrario era più incline ad accettare l'inserimento di Venezia nella sfera di influen (continua)