Home > Spettacoli e TV > BRIGANTI, PIRATI E FRONTIERE

BRIGANTI, PIRATI E FRONTIERE

scritto da: In arce | segnala un abuso

BRIGANTI, PIRATI E FRONTIERE

Uno spettacolo di narrazione storica ideato e condotto da Davide ha portato in scena dal 2017 al 2019 le vicende di predoni, contrabbandieri, spie e avventurieri che si aggiravano fra Valpadana, Appennino e Mar Ligure durante il basso Medioevo, il Rinascimento e l’Età Moderna.


Briganti, pirati e frontiere
 
Dal 2017 al 2019 si sono svolte in Emilia-Romagna, in Lombardia e in Liguria le tappe della narrazione storica intitolata Briganti, pirati e frontiere.
La trama dello spettacolo è dedicata al territorio che va dal Mar Ligure alla Valpadana centrale passando per l’Appennino settentrionale: la sua storia e quella delle sue intricate e plurisecolari frontiere.
Le aree racchiuse fra Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia e Toscana sono talvolta fertili e accoglienti; altre volte, invece, sono aspre e avare di risorse.
Soprattutto, sono zone attraversate da importanti vie di comunicazione (anche molto antiche, come la Via Aurelia, la Via Francigena, la Via di Bobbio, la Via Emilia o la Via degli Abati) e frastagliate da una moltitudine di frontiere (naturali, politici, culturali, ecclesiastici, culturali, linguistici, giurisdizionali).
In questo dedalo di confini si aggiravano diversi personaggi interessati a sfruttare le varie opportunità per affermare e difendere il proprio potere, arricchirsi, abbattere gli avversari o, semplicemente, sopravvivere.
Avventurieri, soldati, mercanti, contrabbandieri, disertori, corsari, castellani, predoni, nobili e spie: spesso, con numerose sovrapposizioni e intrecci di ruoli.
Le vicende di tali individui possono rappresentare un paradigma per comprendere un lungo periodo che copre basso Medioevo, Rinascimento ed Età Moderna, nonché le molte somiglianze e continuità tra le epoche passate e la realtà attuale.
Proprio questo è lo spunto da cui ha tratto inizio lo spettacolo Briganti, pirati e frontiere, impostato sul modello del teatro di narrazione. A condurlo è stato Davide, che ne è anche l’ideatore.
La lotta contro ambienti difficili, le guerre, le tasse, le speranze e i timori per un futuro incerto, la difesa dei privilegi, le amarezze e le gioie della vita: i temi affrontati dalla narrazione storica sono stati variegati ma attuali.
Davide ha presentato al pubblico un racconto multiforme: dalla cronaca nera all’economia e alla vita quotidiana, passando fra episodi cruenti, bizzarri, salaci o curiosi.
Con il suo stile cordiale, ironico e coinvolgente lo storico ha costruito un percorso narrativo esteso dal XII al XIX secolo.
Come scenario per le quattro rappresentazioni di Briganti, pirati e frontiere sono state scelti luoghi suggestivi: le colline della Valtidone, la sponda orientale del fiume Adda fra Cremona e Lodi, la Porta Rossa di Manarola (Cinque Terre) e la Fortezza di Villafranca a Moneglia (Riviera di Levante).
La narrazione storica non è stata una semplice esposizione di fatti e misfatti lontani nel tempo, bensì un discorso sull’eredità che quel periodo ha lasciato nelle epoche successive fino a oggi.
Società, cultura, tradizioni, curiosità e aneddoti: lo spettacolo Briganti, pirati e frontiere di Davide ha proposto in forma piacevole e coinvolgente il racconto di un passato su cui è fondato il presente.
 
Lo spettacolo di narrazione storica Briganti, pirati e frontiere si è svolto con il seguente calendario: ad Alta Val Tidone (Piacenza, Emilia-Romagna) nella Piazza del Castello l’8 agosto 2017; in provincia di Cremona (Lombardia) presso la sponda Est del fiume Adda il 5 novembre 2017; a Manarola (Riomaggiore – La Spezia, Liguria) presso la Porta Rossa (Piazza Castello) il 7 luglio 2018; a Moneglia (Genova, Liguria) presso la Fortezza di Villafranca (Lungomare Dante Alighieri) il 24 agosto 2019. Gli eventi dell’agosto 2017, del 2018 e del 2019 facevano parte della serie itinerante «Racconti d’estate»; quello del novembre 2017 è stato organizzato per la rassegna viaggiante «Racconti d’autunno». La paternità creativa di Briganti, pirati e frontiere appartiene a Davide Tansini, che detiene ogni diritto sullo spettacolo e sulle serie «Racconti d’estate» e «Racconti d’autunno». Per informazioni: Facebook briganti.pirati.e.frontiere, e-mail e v e n t i @ i n a r c e . c o m.

Fonte notizia: https://www.tansini.it/it/briganti-pirati-e-frontiere.html


Emilia Romagna | Liguria | Lombardia | Cremona | Genova | La Spezia | Piacenza | Moneglia | Riomaggiore | Cinque Terre | storia | economia | politica | teatro | narrazione storica | cultura | Medioevo | Rinascimento | Ducato di Milano | Repubblica di Genova | Davide | Davide Tansini | Tansini |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come realizzare un vestito da pirata


E' USCITO il nuovo disco di "ZONA BRIGANTI" - Il "Ritmu Novu" made in Calabria !! (Volta la Carta)


"MICHELE BRIGANTI" torna con il suo ultimo Singolo: "HAI RAGIONE TU"


Olga De Maio soprano e Luca Lupoli tenore, testimonial per la solidarietà di Terra di Briganti


Percorsi sportivi gratuiti per bambini e adolescenti con disagio


“FOR GOOD” per garantire sport e salute ai bambini svantaggiati


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

INTRECCI

INTRECCI
Le opere di Erminio Tansini in mostra fra le mura della Fortezza Firmafede di Sarzana dal 10 al 26 giugno. Esposizione a cura di Davide. Intrecci La mostra d’arte Intrecci si svolge nella Fortezza Firmafede di Sarzana da venerdì 10 a domenica 26 giugno 2022.L’esposizione focalizza l’attenzione sull’opera di Erminio Tansini nei campi della pittura, della scultura e della fotografia.L’evento presenta alcune decine di lavori: dipinti a olio su tavola, scatti fotografici e soggetti in legno) che rappresentano snodi, tappe, trame, (continua)

FORME SFUGGENTI #94 – ROCCA DI GUSALIGGIO

FORME SFUGGENTI #94 – ROCCA DI GUSALIGGIO
Ha fatto tappa nell’Appennino emiliano la serie di shooting fotografici «Forme sfuggenti», dedicata alle sculture di Erminio Tansini e diretta da Davide. Forme sfuggenti #94Rocca di Gusaliggio Alla metà dell’aprile 2022 la Valmozzola, nell’Appennino Ligure, ha accolto il 94º evento della rassegna itinerante «Forme sfuggenti», intitolato Rocca di Gusaliggio.La serie è dedicata alle sculture in legno che Erminio Tansini realizza con ceppi, rami, radici e tronchi recuperati dalle spiagge marine e dai greti dei torrenti montani.«Forme sfuggenti» a (continua)

CASTELLI DELLA VALTARO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE

CASTELLI DELLA VALTARO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE
Due conferenze hanno raccontato l’architettura fortificata del Medioevo e del Rinascimento nelle valli del Taro e del Ceno. A cura di Davide. Castelli della Valtaro medievale e rinascimentale La coppia di conferenze Castelli della Valtaro medievale e rinascimentale ha preso in esame le architetture fortificate poste nelle valli parmensi del Taro e del Ceno.Gli incontri si sono svolti nel 2012 e nel 2014 rispettivamente a Borgo Val di Taro e a Berceto. I due eventi sono stati condotti da Davide.Gli appuntamenti di Castelli della Val (continua)

FORME SFUGGENTI #93 – CASTELLO DI PADENGHE

FORME SFUGGENTI #93 – CASTELLO DI PADENGHE
L’antico castello di Padenghe sul Garda è stato lo scenario del 93º set fotografico della serie «Forme sfuggenti», diretta da Davide e dedicata alle sculture di Erminio Tansini. Forme sfuggenti #93Castello di Padenghe Nella seconda metà del marzo 2022 Padenghe sul Garda ha ospitato il 93º appuntamento della serie itinerante «Forme sfuggenti», dal titolo Castello di Padenghe.La rassegna è dedicata all’opera artistica di Erminio Tansini: in particolare, alle sculture in legno che l’autore realizza con ceppi, radici, rami e tronchi rinvenuti sui greti dei torrenti e sul (continua)

CASTELLI E FORTIFICAZIONI DELLA LUNIGIANA

CASTELLI E FORTIFICAZIONI DELLA LUNIGIANA
Due conferenze hanno descritto l’architettura fortificata del Medioevo, del Rinascimento e dell’Età Moderna attorno alla valle della Magra, fra Liguria orientale e Toscana settentrionale. A cura di Davide. Castelli e fortificazioni della Lunigiana L’iniziativa Castelli e fortificazioni della Lunigiana, svoltasi a Pontremoli e alla Spezia rispettivamente nel 2016 e nel 2017, ha affrontato l’argomento delle opere fortificate medievali, rinascimentali e moderne presenti attorno al fiume Magra, fra Levante Ligure e alta Toscana.La coppia di conferenze è stata organizzata per la 5ª e la 6ª stagione (continua)