Home > Cibo e Alimentazione > Kiwi in Italia: "quali-quantitativamente" la Calabria ne detiene il primato nazionale!!

Kiwi in Italia: "quali-quantitativamente" la Calabria ne detiene il primato nazionale!!

articolo pubblicato da: gioegio | segnala un abuso

Kiwi in Italia:
Dite la verità, quando si parla di kiwi (…chissà perché!!) viene spontaneo immaginare ambienti esotici o comunque orientaleggianti; in realtà questo sfizioso frutto dal sapore acidulo, ma al tempo stesso gustoso e rinfrescante, deriva da una coltivazione cinese plurisecolare (…700 anni almeno!!): delizia preferita dagli Imperatori del Sol Levante e la cui pianta veniva usata anche per scopo ornamentale, è ormai diffusa da diversi anni anche nel nostro paese; solitamente viene consumata tagliandola a metà e scavandola con un cucchiaino (come una coppetta di gelato, insomma!!), ovvero a fettine con l’aggiunta di zucchero (…giusto per ridurne l’asprezza), nelle macedonie ed in altri infiniti usi di dolciari.
 
A fine ‘800 dalla Cina questo frutto arrivò in Nuova Zelanda, paese dove si diffuse in maniera significativa visto che lì trovò ottimali condizioni ambientali per essere coltivato, assumendo peraltro l’attuale denominazione di “Kiwi”,  l’uccello simbolo del paese oceanico per via della sua somiglianza.
Buccia di colore marrone cosparsa di pelucchi, una polpa verde-clorofilla (..peraltro in esso contenuta), semini piccoli e neri disposti a mò di raggiera intorno al centro della bacca, ha una forma che vagamente richiama un uovo o ad una piccola patata. Ricco di vitamina C, potassio, rame ferro, fibre e vitamina E viene consigliato per chi fa sport per via della presenza di sodio che diminuisce il rischio di crampi; suggerito a chi è attento dell’estetica, visto che le vitamine antiossidanti distruggono i radicali liberi, favorendo così una pelle liscia, elastica e meno rugosa; ancora, è particolarmente indicato per fronteggiare i trigliceridi, aiutare la vista e favorire la digestione.
 
La diffusione del kiwi nel nostro paese è relativamente recente (alla fine del 1960), stentando non poco agli inizi ma “affrancandosi” definitivamente durante gli anni ’80 al punto tale che l’Italia è riuscita gradualmente a scalare la classifica dei produttori di questo particolare frutto, risultando ai giorni nostri il primo paese in Europa e tra i primi al mondo (superando in questa speciale graduatoria anche la Nuova Zelanda) con quasi 25.000 ettari dedicati alla sua coltura e una produzione di circa 450 mila tonnellate.
Ed è in Calabria, in particolare, che si ottiene un raccolto di riguardo: nella terra degli agrumi, infatti, la coltivazione del kiwi ha trovato una culla ideale, forse per via del clima caldo-umido, sicuramente per le caratteristiche strutturali dei terreni……in ogni caso creandosi un ottimale rapporto tra questa coltivazione e l’ambiente circostante: cosa importantissima, posto che si è riusciti a raggiungere la maggiore produzione nazionale, oltre che qualitativamente migliore rispetto a quella di altre zone del nostro stivale.
 
E, se tanto mi da tanto,  la gastronomia della regione non ha perso l’occasione per elaborare, con questo pregevole frutto, anche altre “variazioni sul tema”, facendone così un prodotto tipico calabrese di riguardo: prendiamo ad esempio la confettura di kiwi, una composta che sfrutta al meglio le sue eccellenti qualità organolettiche realizzandola secondo artigiana ricetta…quasi a dire, una “evoluzione nel segno della tradizione”: infatti utilizza come ingredienti solo zucchero e frutta (nientemeno l’82%....provate a vedere in dispensa se altri analoghi prodotti raggiungono tali livelli!!), senza ricorrere a pectine, addensanti e conservanti.

Ideale per i consueti usi di una qualunque mostarda (dunque per farciture e per i ripieni di crostate, biscotti e dolci da forno, ma anche spalmata su una semplice fetta di pane), questa vera chicca calabrese si presta bene ad essere abbinata deliziosamente ai formaggi caprini ed a quelli freschi.
 

 

In pratica un prodotto “moderno” in una confettura di quelle “che si facevano una volta"!!

prodotti tipici calabresi | marmellata kiwi calabria |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

C'è di nuovo, nella dispensa delle delizie calabresi....


Stop all’espansione indiscriminata delle coltivazioni di kiwi. Il Sindaco di Cori: sta determinando problemi di approvvigionamento idrico


Successo del workshop Le professioni del turismo


TERMINAL ISONZO 2: INAUGURATA OGGI, MERCOLEDI' 13 LUGLIO 2011, LA NUOVA STAZIONE CROCIERE DI VENEZIA


Amici del cuore: Fibrillazione Atriale, in Calabria screening gratuiti il 13 Maggio


Giovedì il seminario sugli aspetti economici dell’editoria digitale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Il latte di mandorla, una bevanda dissetante ed assolutamente naturale.

Il latte di mandorla, una bevanda dissetante ed assolutamente naturale.
E dopo i primi incerti di un maggio alquanto bizzarro le giornate tendono timidamente verso la stabilità, con temperature in decisa risalita…….insomma andiamo gradualmente verso la “bella stagione”. E con essa torna come sempre la voglia di tonificarsi e rinfrescarsi con qualcosa di veramente dissetante: inizia la stagione dei gelati, delle bevande ghiacciate&helli (continua)

Innovazione di gusto...nel segno della tradizione: qualche goccia di Miele di fichi per un gelato "diverso dal solito"!!

Innovazione di gusto...nel segno della tradizione: qualche goccia di Miele di fichi per un gelato
Certo che questa bizzarra primavera ci sta davvero sorprendendo rispetto agli anni scorsi: di questi tempi, infatti, già progettavamo per l’imminente  estate della quale già avvertivamo qualche sentore; i nostri week-end erano dedicati alle gite fuori porta ed all'aria aperta, tersa e tiepida della primavera ormai inoltrata; e non neghiamolo, (continua)

I sughi pronti della Calabria: ovvero quando l’innovazione rispetta la tipicità di un territorio

I sughi pronti della Calabria: ovvero quando l’innovazione rispetta la tipicità di un territorio
In un mondo che ci vede correre sempre più “di fretta” il nostro quotidiano vivere, fortunatamente sono intervenute evoluzioni di ogni tipo che hanno reso la vita decisamente più comoda e semplice; ed anche nel campo della gastronomia le novità non sono state, per fortuna, poche. Tra queste in particolare i condimenti pronti, che consentono di poter disporre di d (continua)

Le confetture calabresi al cioccolato: perché di tanto in tanto un "peccatuccio di gola" è concesso!!

Le confetture calabresi al cioccolato: perché di tanto in tanto un
Ormai gli acquisti su internet sono diffusissimi: chi vi ricorre per libri,  per viaggi, chi ancora per capi d’abbigliamento,….sperando di “riuscire a spuntare” prezzi ottimali, cogliendo buone occasioni e proposte sulle vetrine virtuali della rete. Ma ancora, c’è chi vi ricorre in genere cercando qualcosa che non si riesce facilmente a reperire nella dif (continua)

Fichi secchi calabresi: quando l'innovazione si sposa con la più assoluta tradizione artigianale!!

Fichi secchi calabresi: quando l'innovazione si sposa con la più assoluta tradizione artigianale!!
Quando si parla di enogastronomia calabrese subito la mente richiama sapori decisi, quali quelli regalati dal peperoncino, dalla ‘nduja, dai salumi in genere…e di quelli “naturalmente aromatici”, retrogusti intensi racchiusi negli splendidi agrumi dei quali la regione può dirsi fiera. Eppure girovagando tra delizie regionali si scoprono eccellenze anche nel campo d (continua)